Benvenuti all'Enoteca del Convivio

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Promuovere e valorizzare il territorio con i suoi prodotti, promuovere e valorizzare i prodotti                                con il territorio”, questa è la proposta. Non una banale e semplice enoteca ma un luogo, dove territorio e artigiani del vino, insieme, contribuiscono in maniera sostenibile e innovativa a salvare il vino buono e i piccoli produttori provocando a creare una comunità del buono e del sano contro il colonialismo del bere.

E allora “mangiari e 'mbiviri” insieme, la frittata di patate alla fiumefreddese, un tagliere di formaggi di Maria Procopio e insaccati di Nero di Calabria accompagnandoli ad un buon calice di vino autoctono.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Vista la giovane età della struttura, cantina appena nata ma creata sulla base del panorama vitivinicolo regionale e non solo, con proposte di vini bianchi, rossi, rosati e passiti. All’interno della carta dei vini compaiono le aziende regionali che hanno avuto più riconoscimenti e hanno spostato l’attenzione dalla cantina alla vigna; senza però dimenticare le proposte con un rapporto prezzo-qualità buono. Crediamo nel vino buono che rispetta la terra. Crediamo nel bere bene senza esagerare, degustando in compagnia, ricercando solo il piacere di un buon bicchiere.

Nella carta dei vini ci sarà una fetta consistente della Calabria che produce e racconta di vitigni storici, non solo gaglioppo, ma anche magliocco, pecorello, greco bianco... e cantine giovani, aziende che sono una identità territoriale e nuove sfide nel campo della enologia regionale tra cui: ‘A Vita, Arcuri, Ceraudo,  Cote di Franze, Spiriti Ebbri, Calabretta,Terre del Gufo, Masseria Falvo, Benvenuto...

o

•

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

I vini pregiati di Calabria, vini biologici e vini da collezione nascono dal rispetto della terra e delle uve che piccoli   produttori e artigiani del vino praticano. Il loro vino è il risultato di una collaborazione armoniosa tra sole, aria,     terreno e uomo. La varietà e la qualità dei vitigni calabresi vivono un nuovo rinascimento e cominciano ad essere     un’eccellenza unica nella produzione vitivinicola nazionale.

 Crediamo in un ricarico del prezzo equilibrato quindi chiedeteci il tappo, saremo contenti di preparare la vostra   bottiglia non finita per portarla con voi. Il vino quando è davvero buono migliora anche dopo ore dall’apertura della   bottiglia.

 Scegli il tuo vino e quello che non consumi puoi tranquillamente portarlo via o paghi quello che consumi al calice     o mezza bottiglia e da Maggio anche il diritto di tappo!

 Porta la tua bottiglia o scegli la tua bottiglia nella nostra enoteca!

 Cos’è il diritto di tappo

Come molte delle tendenze attuali in fatto di vino, anche il diritto di tappo nasce all’estero, e per la precisione nei mercati anglosassoni; in lingua inglese, infatti, si definisce corkage fee ma è già da tempo presente anche l’espressione BYOB, acronimo dal doppio significato: può infatti far riferimento sia al “bring your own booze”, ovvero “porta i tuoi alcolici”, sia al più formale “bring your own bottle”, vale a dire semplicemente “porta la tua bottiglia”. 

 Come funziona il diritto di tappo

Con questa perifrasi si descrive la possibilità che un ristorante offre al cliente di consumare, nel corso di un pasto, una bottiglia di vino non presente sulla carta ma portata da casa o acquistata altrove. Negli intenti, rappresenta un mezzo utile alla diffusione della cultura del vino e del bere bene. Per usufruire di questa opportunità basta pagare sul conto una somma che corrisponde a quella necessaria al servizio, alla stappatura, al lavaggio di bicchieri e all’uso del decanter.

 Vantaggi della pratica

 Questo sistema permette  di poter abbinare bottiglie di particolare pregio ai piatti serviti durante il pranzo o la cena, anche se le   stesse non figurano sulla carta dei vini del ristorante scelto. Si tratta, cioè, di un mezzo per superare la limitatezza di carte dei vini   non particolarmente nutrite o ricercate. E' stata data la possibilità di risparmiare sui vini presenti in menù, senza però rinunciare a un   accompagnamento alcolico.

 Quanto costa il diritto di tappo

 Si applica un costo fisso (come detto, tra i 5 e i 10 euro in media).

 

 Wines of Calabria 
Wine production has a millenary history in the Calabria region and was present much before greek colonization   which commenced around the 8th century B.C. Today the areas which produce the most wine are the coastal areas,   not only along the Ionian Sea but also on the Tirrenean. The most popular vines are those of the black berry type, in   particular the Gaglioppo, the Magliocco (an antique native vine), the Nerello Mascalese, the Nerello Cappuccio, the   Pecorello and the Greco Nero. Amongst white vines, the Greco Bianco, the Tuscan Trebbiano, the Montonico and   the Guernaccia. In the cirotan area you can find vines more genuine vines thanks to the main vine gaglioppo, called   Cirò, which needs to be protected because of its specific identity. Zibibbo is a white, sweet wine produced at Pizzo   and in few areas in Calabria; the grape which has the same name is of oriental origin, a large, white berry, which can   be made to wither: this is a wine not only a dessert wine. In the Reggio area you can find shriveled grapes, another   great wine used to accompany cakes and pastries: the Greco di Bianco. A good muscat can be found at Frascineto,   Spezzano Albanese e Saracena. New producers, small artisan enterprises are now emerging and having no or little i     impact on the environment and landscape, promoting the values of nature and panoramas, using organic   coltivations respeting “genius loci”, evoking “Enotria tellus” or in other words “the Land of wine”. A restless Calabria  of enormous potential, much of which still needs to be expressed.

 

“Wine is the song of the Earth to the sky”

“The worst wine farmer is better than the best Wine industry”

These are two aphorisms by Luigi Veronelli.
The great merit of Veronelli is giving dignity and nobility to civilization, I did know small productions, he opposed the dominance of industrial production, have stimulated the individuality against flattening global now. The wine world is complicated and crushed by the weight of industry and market, with permissive enough European legislation on labeling organic wine compared to manufacturing. You have to help the consumer to orient themselves about wine from organic cultivation and with the lowest content of sulphites and not to betray the flavors of land and agriculture that wants and needs to remain popular, good for the environment and good for health. In Calabria there are small defenders of biodiversity who practice a philosophy that wine crafts that means bond with the territory, with harvesting and bottling from the same manufacturer, bando to chemical treatments in the vineyard and limited use of chemical additives to a minimum.

 

 BIANCHI

 

                                                                                                                  

  • Ansonica IGP Calabria ’13- Cataldo Calabretta                                        

  • Cirò   Bianco DOP ’13- Cote di Franze                                                              

  • Cirò Bianco ’15- Cataldo Calabretta                                                       

  • Agàpe IGT ’13- Montonico-Casa Ponziana                                               

  • Micah ’15 Greco Bianco Malaspina                                                        

  • Terre Nobili- Santa Chiara ’15                                                                

  • Pecorello '16 Ippolito                                                                             

 

 ROSATI

                                                                                                                  

  • Cirò Rosato Classico Superiore ’14 00 ‘A Vita                                           

  • Marinetto ’14 Gaglioppo-Sergio Arcuri                                                     

  • Alicante ’15 Cataldo Calabretta                                                             

  • Rosa Spina ’15 Malaspina                                                                             

  • Cirò Rosato ’15 Cote di Franze                                                                                              

 

 

 ROSSI

  • Cirò Cl. Sup. Aris ’13- Cirò rosso- Sergio Arcuri                                         

          (Vino Quotidiano Slow Food)

  • Cirò Rosso DOC Cl. Sup. Bio ’14- Cataldo Calabretta                                

  • Cirò Rosso DOP Cl Sup. ’10 Riserva  A                                                    

  • Cirò Rosso Cl Sup. ’12 Cote di Franze                                                     

  • Timpamara IGP ’14 Terre del Gufo                                                          

  • Kaulos ’15 Terre del Gufo                                                                            

  • Portapiana ’14 Terre del Gufo                                                                                                             

  • Cariglio ’14 Magliocco Terre Nobili                                                             

  • Pellaro rosso IGP ’13-  Cantine Malaspina                                                 

  • Palizzi rosso IGT ’12- Cantine Malaspina                                                  

  • Patros Pietro ’12- Cantine Malaspina                                                        

  Vini da meditazione da fine pasto, da sorseggiare da soli, oppure abbinati a formaggi stagionati. Perfetti in                    associazione a dolci e frutta secca.

 

                                                                                                                                                                     

Olio di Calabria 

 L’olio extravergine insieme al grano e al vino è uno degli elementi cardine della dieta mediterranea.

 Pane ed olio: etichette narranti, prodotti globali e identitari,la nostra memoria collettiva, insieme al vino e   all’agricoltura contadina simboli della cultura del mediterraneo. Sono i pilastri della dieta mediterranea, le materie   prime di uno stile di vita che recupera il passato per anticipare il futuro.

La Calabria è stata per tanto tempo il bacino dell'olio lampante ( acidità superiore al 2% ). Bassa qualità, buono

per la rettificazione, o nell'ipotesi migliore, per qualche taglio.

Un olio di alta qualità deve contenere un alto contenuto di acido oleico, polifenoli vitamina E  con una

bassa acidità libera

(inferiore  a 0,4%). L' olio deve essere agricolo, quello ottenuto da un territorio in cui si svolge l'intero ciclo di filiera, dall'oliveto alla bottiglia, all'interno di un sistema di relazioni tra oliveto, olivocoltori, frantoiani e consumatori.

Se al Sud ci chiedessero di indicare il prodotto che più ci rappresenta la risposta sarebbe:

l’olio extravergine d’oliva. L’olivicoltura italiana, il patrimonio di olivi, di olivocoltori e di frantoiani che popola l’intera Italia, vive momenti di difficoltà.

Il patrimonio di alberi secolari e millenari diffusi in tutto il nostro paese rende la produzione di olio extravergine italiano sempre più impegnativa e costosa. Una crisi legata anche a cambiamenti climatici e al processo di industrializzazione della coltivazione stessa, con la creazione di nuovi impianti meccanizzabili e di

processi sempre più tecnologici, che ha reso gli oli di eccellenza poco competitivi. Così il mercato, orientato sul prezzo più basso, premia sempre di più oli di qualità scadente. 

Un olio extra vergine d’oliva che costa meno di 8/10 Euro al litro non può garantire standard di qualità elevati,vanno senza dubbio osservati la fluidità, all’olfatto si devono sentire note che vanno dall’oliva all’erba, e al gusto devono deve esserci l’amarognolo, il piccante e il fruttato, e assolutamente non il rancido o la morchia, difetti che possono essere presenti ad esempio se trascorre troppo tempo tra la raccolta e la spremitura, ma non solo. 

L'olio extravergine di oliva biologico calabrese a marchio CE viene prodotto in molte zone della regione e

unisce gli aromi e sapori unici del territorio alla tradizione di una cultura millenaria, offrendo un prodotto gustoso, naturale e adatto a diversi utilizzi gastronomici. Le caratteristiche dell'olio (aroma, colore, sapore) si differenziano secondo la varietà, la zona di produzione, il raccolto, etc, etc...

Perché biologico?

 Con tutti gli inquinanti già presenti nell’atmosfera e nel cibo, evitare di avvelenarci ulteriormente con piccole dosi quotidiane di pesticidi è fondamentale, per questo abbiamo prediletto oli da agricoltura biologica, che garantiscono assenza di sostanze chimiche dannose inutili e indesiderate, un’estrazione a freddo  assenza di molecole di sintesi, enzimi, erbicidi, concimi chimici, solventi...

C’è senz’altro scarsa educazione sull’olio: per esempio quanti sanno che una bottiglia che in etichetta

reca scritto “olio di oliva” contiene un misto (in quantità non dichiarate) di oli di oliva raffinati o oli di

oliva vergini?

Un olio di oliva raffinato è un olio che in origine presenta difetti tali per cui non può essere dichiarato

commestibile dalla legge, quindi dovrà subire dei trattamenti chimico/fisici per farlo tornare tale e

commerciabile: Se fosse chiaro in etichetta chissà quanto se ne venderebbe ancora? Quanti sanno cos’è un extravergine? Extravergine è la classificazione merceologica dell’olio ottenuto dalle olive mediante processi meccanici e che rispetta alcuni parametri analitici tra cui l’acidità libera espressa in acido oleico

che non deve gli 0,8 grammi per 100 di olio. Il Cultivar è il termine riferito alle diverse varietà di olivi e dei loro frutti. 

Gli oli debbono essere selezionati e analizzati per valutarne quindi l’acidità libera, il numero di perossidi e la valutazione sensoriale (panel test). L’elevato contenuto di acidi grassi monoinsaturi rappresenta l’elemento distintivo dell’olio extravergine rispetto altri grassi di origine vegetale. Sarebbe da determinare poi il profilo,

ossia la composizione quali e quantitativa dei composti volatili, responsabili dell’aroma, e quello delle sostanze polifenoliche, responsabili invece del gusto amaro e della sensazione di piccante. I polifenoli dell’olio di oliva,

sono noti perché “contribuiscono alla protezione dei lipidi ematici dallo stress ossidativo” (Reg. UE 432/2012), quindi rendono l’extra vergine particolarmente di pregio, sul piano nutrizionale, perché capaci di esercitare

effetti preventivi nei confronti delle malattie cardiovascolari e dei tumori.

Le principali varietà di olivo calabresi.

In Calabria, il patrimonio olivicolo può contare su di

un vasto germoplasma, frutto della differenzazione,

nel tempo, con almeno 34 cultivar di olivo differenti.

e origini antiche della diffusione dell’olivo sul territorio

e il tramandarsi della tradizione nelle pratiche colturali

hanno determinato una diffusione importante della

coltura dell’olivo in Calabria che ha consentito lo

sviluppo di varietà autoctone.

Vicini alla filosofia di Slow Food, abbiamo seguito il progetto dei Presìdi dell'olio  dell’organizzazione 

L’introduzione della coltivazione dell’olivo inizia all’età del Bronzo recente (XIII-XII sec. a.C.) come emergerebbe dagli studi condotti negli scavi del centro protostorico di Broglio di Trebisacce (CS) ed in aree limitrofe. In questa area di scavo e studio, sono stati rinvenuti noccioli ed olive, nonché impronte di foglie di Olea europaea negli intonaci, e tracce di olio da olive all’interno dei caratteristici contenitori (pithoi). Tutto questo, daterebbe alla fine del secondo millennio a.C. la pratica dell’olivicoltura lungo la costa della Calabria. Le cultivar più diffuse in Calabria sono: Carolea, Cassanese, Dolce di Rossano, Grossa di Gerace, Ottobratica, Roggianella, Rossanese, Sinopolese, Tonda di Strongoli.

Cosa s'intende per Olio Fruttato?

Un'Olio profumato che dipende dal frutto, dalla varietà dello stesso, dal grado di maturazione, dall’area geografica di produzione delle olive, è lo stesso profumo che si ottiene schiacciando un’oliva fresca tra il palmo delle mani.
La nota di fruttato è  importante perché se l’olio ne è privo questo non può essere considerato extra vergine, un olio extra vergine evo può avere fruttato intenso ,  medio e leggero.
L'oli ottenuti con olive verdi appena colte, hanno un sapore piccante/amarognolo, mentre gli oli ottenuti con olive più mature hanno un gusto più dolce/delicato, le note di gusto che si potrebbero notare nell'olio fruttato sono: di  mandorla, pomodoro, carciofo, sapore erbaceo, ecc.

Gli attributi dell Fruttato ?

Attributi positivi
Fruttato: insieme delle sensazioni olfattive, dipendenti dalla varietà delle olive, caratteristiche dell'olio ottenuto da frutti sani e freschi, verdi o maturi, percepite per via diretta e/o retronasale.
L'attributo fruttato si definisce verde quando le sensazioni olfattive ricordano quelle dei frutti verdi, caratteristiche dell'olio ottenuto da frutti verdi. L'attributo fruttato si definisce maturo quando le sensazioni olfattive ricordano quelle dei frutti maturi, caratteristiche dell'olio ottenuto da frutti verdi e da frutti maturi.
Amaro: sapore elementare caratteristico dell'olio ottenuto da olive verdi o invaiate, percepito dalle papille caliciformi che formano la V linguale.
Piccante: sensazione tattile pungente caratteristica di oli prodotti all'inizio della campagna, principalmente da olive ancora verdi, che può essere  percepita in tutta la cavità boccale, in particolare in gola.
 


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Per un accostamento azzeccato, è bene conoscere profondamente le caratteristiche sensoriali dell'olio EVO: infatti, ogni tipo di olio è diverso e differisce dagli altri per qualità, gusto, colore, odore e intensità, caratteri fortemente influenzati dalla Terra d'origine, dal clima, dall'annata e dalla varietà di olive.

L'olio giusto

L'olio extravergine d'oliva è un alimento completo, che vanta virtù specifiche tali da andare oltre al “classico nutriente”. Da qui di evince come il giusto approccio con una materia prima così straordinaria - non a caso elevata al ruolo di functional food - non possa essere lasciato al caso. 
La scelta dell'olio giusto da abbinare ad ogni piatto si rivela perciò importantissima: infatti, mentre in alcune ricette l'olio deve arricchire l'alimento evitando di stravolgerne il gusto, in altre è parte integrante dei sapori che devono essere percepiti al palato. L'olio “giusto” deve saper impreziosire i piatti ed esaltarne al meglio il sapore, rispettando nello stesso tempo l'equilibrio ed il gusto. Anche l'olio “ha le sue regole” e solo un abbinamento azzeccato è in grado di esaltare al meglio i sapori e i profumi del piatto. Al contrario, un accostamento errato non può far altro che penalizzare la pietanza, comprometterne l'armonia o avvilirne la bontà. 

Tipo di Fruttato, Caratteristiche dell'olio, Abbinamento ideale con i cibi

Oli EVO dal fruttato delicato e tenue. Olio morbido, delicato con sfumature lievi o poco accentuate di piccante.

  • Frutti di mare in insalata

  • Risotti

  • Coniglio in bianco

  • Petto di pollo al limone

  • Pesce al cartoccio

  • Preparazione di fritture nobili

  • Pasta al pesto

  • Fiori di zucca fritte

  • Fritture di pesce

Oli EVO dal fruttato mediamente intenso

Oli armonici, ben equilibrati, dai toni più marcati ed incisivi.

  • Insalate verdi e bianche

  • Insalate di verdure

  • Carni alla griglia

  • Minestre di farro

  • Pasta e broccoli

  • Caponata

  • Ciambotta

  • Carpacci di funghi

  • Funghi trifolati

  • Risotto 

Oli EVO dal fruttato intenso

Oli dalle note amare e piccanti spiccate, leggermente astringenti, sapidi.

Si prestano ad abbinamenti con cibi robusti ed alimenti con struttura solida, come ad esempio:

  •  

  • Minestroni

  • Zuppe di legumi

  • Polpette di melanzane

  • Pasta a mollica

  • Pasta con guanciale

  • Verdure alla griglia

  • Gnocchi di pane raffermo

  • Carni alla griglia

  • Mozzarella: un insolito ma eccellente abbinamento con un olio intenso


 

 

Cultivar

L'oliva Carolea ha conosciuto una diffusione enorme in tutto il meridione d'Italia. Essa, infatti, è presente da secoli negli uliveti di Puglia, Calabria, Basilicata e, dulcis in fundo, Sicilia. Questo carattere si deve soprattutto alla dote principale di questa cultivar, ovvero la sua particolare resistenza sia al freddo (caratteristica che determina la sua presenza anche su rilievi montuosi fino a circa 800 metri sul livello del mare), sia alla siccità. 

aIl cultivar Carolea presenta particolare capacità di adattamento alle diverse condizioni ambientali della Calabria, andando dalle zone litoranee, sia ioniche che tirreniche, fino ad altitudini di 700-800 metri. Il contenuto dell’olio nella drupa si aggira attorno al 20%. Il calibro dei frutti, la percentuale di polpa che si aggira intorno all’80%, la buona consistenza ed il sapore, fanno ritenere questa cultivar a duplice attitudine, da mensa e da olio.

Questa varietà autoctona ha un grado di autofertilità molto scarso,  pertanto si fa ricorso all'impollinazione attraverso altre cultivar, e viene usata esclusivamente per la produzione e vendita di olio extravergine mentre la scarsa dimensioni dei frutti ne impedisce l'uso per il consumo da mensa.

Caratterizzata da una resa dell'olio di livello medio (intorno al 18%) che raggiunge il proprio massimo nel mese di Dicembre,

L'oliva Ottobratica è resistente agli agenti atmosferici: essa infatti non mostra particolari suscettibilità alle variazioni di temperature anche piuttosto brusche e tollera bene sia il freddo che l'umidità dell'aria o la siccità. 

L’Ottobratico è un olio dal fruttato delicato che possiede una proprietà salutistica di prim’ordine: la vitamina E, per via di un alto contenuto di polifenoli e tocoferoli che gli conferiscono una stabilità alta ed un’alta efficacia antiossidante naturale. Su quest’ultima interessante peculiarità si sono soffermate negli scorsi anni la Facoltà di Agraria dell’Università Mediterranea di Reggio Calabria e quella dell’Università Federico II° di Napoli.

Profilo Organolettico
Colore: giallo dorato velato.
Profumo: frutto delicato, vigoroso e persistente con spiccate note di erba fresca, Sentori di cardo selvatico, mela golden matura e delicati toni di sottobosco.
Sapore: ben equilibrato con leggeri toni di amaro e piccante più pronunciato. Chiude con un sentore di erba di campo, verdure e piccoli frutti rossi; armonico ed elegante, delicato nei toni di frutta matura e secca su base erbacea.
Amaro e piccante: contenuti ed equilibrati che chiudono in mandorla dolce.
Aspetto: velato.
Impiego: a crudo su tutto.

Oliva Sinopolese

Olea europea sativa var. Sinopolese (Sinonimi: Coccitana, Sciolarea, Chianota, Seminara)

PIANTA DI ORIGINE

Pianta di dimensioni gigantesche con portamento fortemente assugente, caratterizzata da produttività elevata ma costante. E’ presente in modo diffuso negli uliveti della provincia di Reggio Calabria, in particolare nella piana di Gioia Tauro.

UTILIZZAZIONE ALIMENTARE

Utilizzato prevalentemente per la produzione di olio, il frutto ( drupa) presenta le seguenti caratteristiche:

colore: da verde a nero, con epicarpo lucido che presenta poche lenticelle medie

forma: sferoidale allungata,  asimmetrica, con diametro massimo posto centralmente, con apice arrotondato e base arrotondata

dimensione: piccola del peso di 1,7-1,8 g

La resa in olio varia dal 17 al 19%

COLTIVAZIONE

Resistente a siccità e freddo.

è ideale su crostacei al vapore, insalate di verdure, passati di legumi, primi piatti con molluschi, pesci bolliti, carni bianche ai ferri, carni rosse alla griglia, formaggi freschi a pasta molle.

 

Olio extravergine d’oliva bi-varietale dal fruttato leggero prodotto da l'Olearia San Giorgio nel frantoio situato nel Parco dell’Aspromonte. Inserito fra gli oli eccellenti nella Guida Oli d’Italia del Gambero Rosso, si distingue per i suoi toni armonici di frutta matura e il suo aroma delicato e perfettamente bilanciato.

LAspromontano, prodotto dallAzienda Fazari, grazie alla qualit delle olive ottenute da cultivar tipiche della Calabria, 50% carolea e 50% ottobratica, affidate ad una corretta tecnica di raccolta e grazie al sistema di estrazione a freddo, presenta ottime note aromatiche ed eccellenti propriet organolettiche.


Molto equilibrata , inoltre, la composizione chimica caratterizzata da una significativa presenza di antiossidanti naturali (polifenoli e tocoferoli) che costituiscono una componente considerevole dell'apporto vitaminico (vitamina E) nella nostra alimentazione quotidiana.

Azienda Olearia San Giorgio

Assai buona la funzionalit assimilatoria dei nutrienti (equilibrato rapporto tra acidi grassi monoinsaturi e polinsaturi).

Profilo Organolettico


< Colore: giallo dorato intenso.

< Profumo: netto di oliva e delicati toni erbacei, mela bianca e spiccato pomodoro maturo.

< Sapore: armonico ed elegante, delicato nei toni di frutta matura e secca su base erbacea. Amaro e piccante contenuti ed equilibrati che chiudono in mandorla dolce.

< Aspetto: velato.

< Impiego: a crudo su tutto.

 

Denominazione di origine protetta DOP Bruzio – Menzione geografica “Colline Joniche Presilane” (minimo 70%), nelle menzioni “Sibaritide” (massimo 30%) e “ Valle Crati” (massimo 20%), nonché nella denominazione di origine protetta DOP Alto crotonese dove la presenza massima consentita è del 30%..
Varietà presente in quasi tutta la provincia di Cosenza, con maggiore diffusione nel versante Jonico, da Rossano a Cirò, è presente e caratterizza circa 20.000 ha di superfice olivetata regionale. 
Pianta di elevata vigoria e portamento assurgente, con foglia ellittico-lanceolata di media grandezza e di colore verde intenso. Il frutto, a maturazione tardiva, è di forma sferoidale, medio/piccolo (2 g), a maturazione è di colore nero vinoso, destinato principalmente alla produzione di olio. La produttività è alternante con una resa in olio superiore al 20%. E’ una varietà autocompatibile, sensibile alla mosca e all’occhio di pavone. 
Profilo sensoriale caratteristico della varietà Dolce di Rossano. 
Olio extravergine di oliva caratterizzato, da un livello medio di fruttato di olive colte al giusto memento di maturazione. Leggere sensazioni di erba/foglia di olivo, carciofo e pomodoro ne completano il profilo aromatico. In bocca subito dolce, con un livello leggero di amaro e piccante, con sentore prevalente di mandorla fresca e pinolo.

Già nel 1550 il Barrio scriveva della presenza di olive, grosse come mandorle e carnose, preparate in botti ed ottime da mangiarsi. Sicuramente parlava della Carolea, ma non sono da dimenticare anche le olive Cassanese o Grossa di Cassano. Nel corso degli ultimi secoli la duplice attitudine della cultivar “Carolea” ha diversificato l’utilizzazione delle olive sia come base per ottenere olio che olive da mensa sia verdi che nere.

La resa in olio può raggiungere il 18 -20%. Le olive mature fatte asciugare al sole possono essere utilizzate in cucina, o accompagnare salumi e formaggi. Sono uno sfizio, una conserva, un antipasto, un qualcosa che sgranocchi quando sei da solo o in compagnia.

La raccolta delle olive cassanese destinate al consumo diretto, viene effettuata quando l’epicarpo ha raggiunto la colorazione nero brillante e possono essere asciugate al sole conservando il retrogusto amarognolo o fatte raggrinzire con il sale per lunghi periodi allontanando l’acqua amara man mano che si forma; infine le olive addolcite vengono aggiunte di olio extravergine ed aromi diversi: scorzette di arancia o limone, menta o peperoncino. È possibile altresì trattarle con salamoia, dove subiscono una fermentazione naturale che sviluppa profumi e sapori particolari. La Cassanese è una cultivar a duplice attitudine, diffusa maggiormente nella piana di Sibari e nella zona di Cassano allo Jonio, è presente anche in altre aree della regione fino alle fasce collinari prepolliniche ed è in espansione per la resistenza all’attacco di fitopatologie dell’olivo quali la rogna ed il cicloconio. Pianta vigorosa a portamento assurgente a rapida crescita entra in produzione precocemente, l’invaiatura è precoce, ma l’inoliazione è tardiva e quindi la resa in olio è molto legata allo stato di maturazione raggiungendo a dicembre una resa del 20% Cultivar autoincompatibile. Impollinatori: Tondina, Comiolo, Santomauro. Presenta una buona resistenza ai comuni parassiti dell'olivo.

Bellissimo al naso, verde e raffinato, con note d’origano, pomodoro e cardo, sentori di mentuccia e altre aromatiche che rispondono perfettamente nel palato. Sempre più il mondo dei monovarietali evolve verso una maturità sconosciuta: grazie anche ai tempi di raccolta e di lavorazione. Terroir ed escursioni termiche fanno il resto: siamo nella piana di Sibari, tra i massicci di Sila e Pollino. “Crediamo molto nella Cassanese”spiega Alessandra Paolini “Un’oliva da mensa che abbiamo voluto declinare sull’olio. Cultivar difficile con rese basse, anche del 6%, e invaiatura da controllare bene. Ma ha un’eleganza e un’intensità molto coinvolgenti”.

Doria | Cassano Allo Ionio (CS) | Calabria | www.agricoladoriasrl.it

Alessandra Paolini

Doria | Cassano Allo Ionio (CS) | c.da Mandria di Nola | tel. 345 6503780 | www.agricoladoriasrl.it

 

 

 Monocultivar Nocellara del Belice Bio

In un momento di gran successo per le cultivar autoctone, l’Olio Extravergine di Oliva Biologico Tenute Librandi Librandi, un monocultivar da sola varietà Nocellara del Belice,  nonostante le origini siciliane ha trovato in Calabria terreni e microclima ottimali al suo sviluppo, rappresenta una di queste eccezioni, in cui l’eccellenza qualitativa raggiunge i massimi livelli i “Ma qui sono clima e terroir a fare la differenza”racconta Lucia Librandi che con il fratello Michele segue l’azienda di famiglia “Siamo in collina, abbiamo il mare di fronte e la montagna alle spalle. Nella 'nostra' Nocellara si sente meno il pomodoro e più una freschezza erbacea”. Ed è proprio l’eleganza delle note di timo, ortica e citronella a dare emozioni complesse e nette al tempo stesso.

Complesso e vegetale, con toni di sedano e lattuga, fave fresche e cicoria. Amaro potente e piccante deciso

L’Olio Extravergine di Oliva Biologico Tenute Librandi rappresenta un vero prodotto di eccellenza, non solo a livello a nazionale ma a livello mondiale: infatti è stato premiato come Miglior Olio Extravergine di Oliva da Agricoltura Biologica al mondo dalla guida Flos Olei 2015, evidenziando la tendenza verso produzioni di elevato pregio anche da parte delle regioni del sud Italia che, soprattutto negli anni passati, venivano identificate soltanto come produttrici di grandi quantità di prodotto a discapito della qualità.  L’Olio Extravergine di Oliva Biologico Tenute Librandi è un Olio Extravergine che parla di territorio e di origini, grazie alle sue caratteristiche organolettiche esprime i profumi e i sapori del mediterraneo: profumi di pomodoro, basilico e menta, sapori in cui il piccante vivace si armonizza ad un amaro piacevole dando vita ad fruttato intenso ma dai toni freschi. Grazie al suo gusto complesso ma armonioso è il perfetto accompagnamento per svariate preparazioni della cucina mediterranea: dalle zuppe di verdure o legumi, alla carne o pesce alla brace, fino ai formaggi a pasta filata.